mercoledì 11 settembre 2013

I fuochi d'artificio no?

Eccomi qui, come promesso, con un post, nonostante la mia natura abbastanza tranquilla, molto polemico.
Si tratta della grindadràp, o, per usare l'italiano, caccia alle balene.

Premessa importante
Non sono estremista e sono onnivora, e non ho nulla in contrario alla caccia che abbia come scopo il rifornimento di cibo.
Allora qual è il problema?
Il problema è la caccia per tradizione. Per divertimento.
La caccia alle balene che si svolge ogni anno alle isole Far Oer provoca dalle 1000 alle 3000 vittime, di cui la maggior parte globicefali, delfini socievoli e dolci che ogni anno si avvicinano alle coste.

Chi?
Gli abitanti delle Far Oer. Agli stranieri, infatti, non è possibile assistere alla "festa", mentre ai bambini sì, dato che in questi giorni le scuole sono chiuse.
Perché?
La motivazione ufficiale è riprendere la tradizione che dura da 1200 anni. Peccato che 1200 anni fa i globicefali servivano per l'economia delle isole, in quanto utilizzati in ogni loro parte. Ora le Far Oer hanno una buona economia, ma soprattutto non si nutrono quasi più di globicefali, in cui è presente anche un'alta concentrazione di mercurio. Inoltre, dubito fortemente che utilizzino ancora lampade a grasso di balena, no?
In che modo?
Ecco, qui siamo al punto dolente.
La teoria ci dice che ogni globicefalo viene avvicinato e vine praticata un incisione che lo stordisce in 5-10''. In realtà molti di questi cetacei vengono arpionati e trascinati mentre si contorcono, molte mamme vengono aperte e i feti sono cacciati vivi dalle pance, la costa si tinge di rosso e risuonano le urla dei delfini.


Dov'è il problema?
I problemi principali sono due.
Il primo è il fattore crudeltà che sì. distingue una semplice caccia da una festa nazionale. E visto che ci siamo, da qualche parte nel mondo sarà tradizione uccidere un tot di bambini, perché non la manteniamo? Qual è il problema di festeggiare con litri di sangue e carne buttata ai gabbiani? Cosa che ne importa se un globicefalo strilla per uno o due minuti in preda al dolore?
Se ora proponessi di prendere una donna incinta e sventrarla, però, comincerebbe il finimondo.
L'altro è che i globicefali sono una specie che vive fino a 50 anni, le femmine raggiungono la maturità a 7 e non hanno un tempo di riproduzione breve.
Per cui una caccia così spietata, senza misura, può portare effettivamente la specie all'estinzione. E se a noi i globicefali possono sembrare del tutto inutili, essi sono una parte importante della catena alimentare.



Cosa si può fare
Parlarne, prima di tutto. La grindadrap passa il più delle volte inosservata, anche perché, come già detto, agli stranieri non è permesso assistere.
Sostenere le associazioni animaliste; tra tutte, io come al solito segnalo Sea Shepherd, perché sono dell'opinione che l'azione valga più della teoria.
Molte associazioni sostengono il boicottaggio dei prodotti danesi: io, in tutta sincerità, non so fino a che punto quest'azione influisca sulla grindadrap.


Concludo dicendo: la "tradizione" non può essere osservata con una bella festa, con giochi e fuochi d'artificio?

2 commenti:

  1. Purtroppo queste cose vanno avanti ovunque...

    RispondiElimina
  2. Ciao. Visto che sei tornata, mi sono permesso di darti un premio:
    http://storieneodqu.wordpress.com/2013/09/25/un-premio-da-alchimie/

    RispondiElimina